Arlecchino e Pulcinella servitori di un padrone

Commedia brillante in atto unico

Lo spettacolo nasce dal desiderio di recuperare la gloriosa e fondamentale tradizione comica della Commedia dell’Arte per proporne una rappresentazione inedita. Attraverso la stesura, ex novo, di una canovaccio-storia, strutturato però nella maniera tipica di questo genere teatrale, si è scelto di studiare e valorizzare certe tipologie interpretative e di messinscena che funzionavano allora, ma che siamo certi possano coinvolgere allo stesso modo oggi. Giocando con la semplicità dell’intreccio, della scenografia appena acennata, dei personaggi-tipi che si ripropongono sempre uguali e sempre diversi, e di una recitazione prevalentemente fisica e clownesca, lo spettacolo, ideato prioritariamente per un pubblico di bambini ma godibilissimo anche da parte di un pubblico adulto, è un omaggio alla radice prima del nostro teatro comico, quella che ha fatto scuola in tutta europa, e che non si è mai completamente esaurita.

Arlecchino e Pulcinella, nord e sud, si incontrano.
E questo genera inizialmente uno scontro di cultura e abitudini, ma subito dopo crea una vincente mescolanza di tradizioni e modi di vita, e l’idea che l’incontro con “l’altro/diverso da noi” può comunque sempre essere un motivo di arricchimento e valorizzazione reciproca, e non viceversa.

Serena Nardi